Olanzapine (Reazioni avverse)

L'olanzapina è un farmaco appartenente alla famiglia degli antipsicotici utilizzato nel trattamento della schizofrenia, degli episodi maniacali o del disturbo bipolare. L'aumento di peso, uno dei principali effetti avversi, è stato associato alla presenza di alcune varianti polimorfiche nei geni che interagiscono con questo farmaco.

L'olanzapina appartiene a una classe di farmaci chiamati antipsicotici atipici, strutturalmente simili alla clozapina e aventi lo stesso meccanismo d'azione. Olanzapina si lega ai recettori alfa-1, dopaminergici, istaminici H1, muscarinici e serotoninergici (tipo 5-HT2). Rispetto ai tipici antipsicotici, l'olanzapina ha effetti cardiovascolari più ridotti e induce meno iperprolattinemia e reazioni extrapiramidali. Da un punto di vista clinico, l'olanzapina è efficace nel trattamento dei sintomi della schizofrenia e viene utilizzata anche nel trattamento della mania acuta con disturbo bipolare e nel ridurre l'agitazione e altri sintomi psicotici nella demenza.

L'olanzapina è un neurolettico atipico con effetti simili ad altri neurolettici, viene utilizzato per trattare i sintomi sia negativi che positivi della schizofrenia ed è efficace anche per i sintomi positivi persistenti. Funziona modificando l'attività di alcune sostanze naturali nel cervello.

L'aumento di peso è uno dei più importanti effetti collaterali associati al trattamento con farmaci antipsicotici. Ha un'influenza negativa sulla salute (associata a diabete, malattie cardiache e altri disturbi gravi) e sul benessere personale del paziente con una ridotta esecuzione del trattamento e il possibile rischio di recidiva della malattia. L'importanza di questo problema è stata dimostrata da Fontaine et al. che ha scoperto che la clozapina, nonostante la prevenzione del suicidio in 492 pazienti schizofrenici su 100.000 trattati per un periodo di 10 anni, potrebbe anche essere considerata responsabile di 416 decessi causati dalle conseguenze dell'aumento di peso indotto dagli antipsicotici.

Tra i farmaci neurolettici atipici, l'olanzapina e la clozapina sono state associate a un aumento di peso maggiore, con un aumento medio di 5 kg nel trattamento a breve termine e di 6,7 kg nel trattamento a lungo termine.

Si ritiene che i fattori genetici giochino un ruolo importante nella risposta di un individuo ai farmaci antipsicotici, sia nei benefici del trattamento che nella suscettibilità agli effetti collaterali. Le variazioni nella sequenza genica, chiamate polimorfismo, potrebbero influenzare le proprietà delle proteine ​​codificate e i risultati nella risposta individuale ai farmaci.

Se desiderate conoscere tutte le sostanze che analizziamo nel nostro test del DNA, consultate la sezione sulla compatibilità farmacologica o sulla farmacogenetica.

Sintomi

Gli effetti collaterali extrapiramidali sono meno intensi di quelli dei classici antipsicotici, con sedazione all'inizio del trattamento ma maggiore incidenza di effetti metabolici.

Olanzapina può causare effetti collaterali:

  • sonnolenza
  • vertigini
  • acatisia (irrequietezza)
  • comportamento insolito
  • depressione
  • difficoltà ad addormentarsi oa mantenere il sonno
  • debolezza
  • difficoltà a camminare
  • costipazione
  • ritenzione urinaria
  • aumento di peso
  • bocca secca
  • dolore a braccia, gambe, schiena o articolazioni
  • ingrossamento o secrezione del seno
  • ciclo mestruale in ritardo o mancato
  • diminuzione della capacità sessuale
  • convulsioni
  • cambiamenti nella visione
  • gonfiore di braccia, mani, piedi, caviglie o parte inferiore delle gambe
  • discinesie a insorgenza precoce o in sviluppo tardivo (movimenti insoliti del viso o del corpo che non è possibile controllare)
  • mal di gola, febbre, brividi e altri segni di infezione
  • muscoli molto rigidi
  • sudorazione eccessiva
  • tachicardia (battito cardiaco accelerato o irregolare)
  • eruzione cutanea
  • orticaria
  • difficoltà a respirare o deglutire
  • Sintomi simili al Parkinson
  • iperoressia (aumento anormale dell'appetito)
  • iperprolattinemia (livelli ematici più alti del normale dell'ormone prolattina; può essere invertito sospendendo il trattamento; può causare ginecomastia, galattorrea)
  • iperglicemia
  • ipotensione ortostatica (calo della pressione sanguigna in posizione eretta)
  • cardiomiopatia
  • enzimi epatici elevati
  • fotosensibilità
  • leucopenia

Geni analizzati

APOA4 APOE HTR2C SCARB1

Bibliografia

Non avete ancora fatto un test del DNA?

Fate il vostro test genetico e scoprite tutto di te.

starter
Test DNA Starter

Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
starter
Test DNA Advanced

Salute, Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
Il test del DNA che stavi cercando
Acquista