Pantoprazolo (dosaggio)

Il pantoprazolo è un inibitore della pompa protonica utilizzato, tra l'altro, per il trattamento dell'ulcera gastrica o della malattia da reflusso gastro-esofageo. Fino al 40% dei pazienti mostra una risposta inefficace e non trova sollievo dai sintomi. I polimorfismi genetici negli enzimi che metabolizzano questi farmaci, come il CYP2C19, sono responsabili di una percentuale significativa di questa resistenza ai farmaci.

Il pantoprazolo è un farmaco antiulcera, un inibitore della pompa protonica (PPI). Il farmaco inibisce l'enzima adenosina trifosfatasi H + / K +, che è la via comune finale della produzione di acido da parte delle cellule parietali gastriche. Si lega alla pompa protonica nella cellula parietale gastrica, inibendo il trasporto di H + al lume gastrico.

Questi gruppi di farmaci sono i più potenti inibitori della secrezione acida.

CONTROINDICAZIONI

Ipersensibilità al principio attivo o ai benzimidazoli sostituiti. Il pantoprazolo è controindicato per l'eradicazione di H. pylori in pazienti con insufficienza epatica o insufficienza renale moderata-grave.

PRECAUZIONI

Devono essere prese precauzioni nei pazienti con grave insufficienza epatica, in cui è necessario aggiustare le dosi, monitorare gli enzimi epatici e interrompere il trattamento se questi enzimi aumentano.

Devono essere prese precauzioni anche nei pazienti con insufficienza renale. Si consiglia di prendere precauzioni se il pantoprazolo viene prescritto a pazienti anziani.

Il pantoprazolo non è indicato per il trattamento della dispepsia nervosa.

Il pantoprazolo può ridurre l'assorbimento della vitamina B12, monitorare i sintomi del deficit nella sindrome di Zollinger-Ellison, nel trattamento a lungo termine e negli individui con carenza di vitamina B12 o in quelli che hanno fattori di rischio per un assorbimento ridotto.

L'uso di pantoprazolo è associato a un possibile aumento del rischio di infezione gastrointestinale causata da batteri (es. Salmonella, Campylobacter, C. difficile). Con l'uso di questo farmaco è stato descritto un aumento del rischio di contrarre gastroenterite o polmonite acquisita nella comunità.

Deve essere effettuato un monitoraggio regolare se il trattamento con pantoprazolo è prolungato (più di un anno). Esiste il rischio di ipomagnesemia in caso di trattamento prolungato e in concomitanza con digossina o altri farmaci che possono ridurre il livello plasmatico di Mg (ad esempio diuretici); considerare il controllo plasmatico di Mg all'inizio e periodicamente durante il trattamento.

A dosi elevate e in caso di trattamento prolungato, il pantoprazolo aumenta il rischio di frattura dell'anca, del polso e della colonna vertebrale, soprattutto negli anziani o in presenza di altri fattori di rischio , quindi deve essere assicurato l'assunzione di vitamina Ca e D in caso di rischio di osteoporosi.

Il trattamento con pantoprazolo è associato a un possibile rischio di sviluppare lupus eritematoso cutaneo subacuto (SCEL) (se si verificano lesioni, specialmente nelle aree della pelle esposte al sole, accompagnato da artralgia, valutare la possibilità di interrompere il trattamento).

La sospensione del pantoprazolo deve essere lenta (entro un mese) per evitare la secrezione acida di rimbalzo che porterebbe alla ricomparsa dei sintomi.

EFFETTI COLLATERALI

Mal di testa, dolore addominale, nausea, vertigini, insonnia e diarrea

INTERAZIONI FARMACOLOGICHE

Il pantoprazolo riduce l'assorbimento di: ketoconazolo, itraconazolo, posaconazolo ed erlotinib.

Monitorare INR (International Normalized Ratio) / tempo di protrombina se il pantoprazolo viene assunto in concomitanza con anticoagulanti cumarinici.

A dosi elevate, il pantoprazolo può aumentare i livelli di metotrexato.

L'assunzione di pantoprazolo insieme ad atazanavir non è raccomandata a causa del rischio di diminuzione della biodisponibilità (se necessario, monitorare clinicamente e aumentare la dose di atazanavir a 400 mg + 100 mg di ritonavir e non superare i 20 mg di pantoprazolo / giorno).

NOMI DEL MARCHIO

  • Alpanzol ®
  • Anagastra ®
  • Citrel ®
  • Nolpaza ®
  • Panpronton ®
  • Pantecta ®
  • Pantoloc ®
  • Ulcotenal ®

Geni analizzati

CYP2C19

Bibliografia

Chiba K, Shimizu K, Kato M, et al.Prediction of inter-individual variability in the pharmacokinetics of CYP2C19 substrates in humans. Drug Metab Pharmacokinet. 2014;29(5):379-86.

Eken E, Estores DS, Cicali EJ, et al. A Pharmacogenetics-Based Approach to Managing Gastroesophageal Reflux Disease: Current Perspectives and Future Steps. Pharmgenomics Pers Med. 2023 Jun 23;16:645-664.

El Rouby N, Lima JJ, Johnson JA.Proton pump inhibitors: from CYP2C19 pharmacogenetics to precision medicine. Expert Opin Drug Metab Toxicol. 2018 Apr;14(4):447-460.

Lima JJ, Thomas CD, Barbarino J, et al.Clinical Pharmacogenetics Implementation Consortium (CPIC) Guideline for CYP2C19 and Proton Pump Inhibitor Dosing. Clin Pharmacol Ther. 2021 Jun;109(6):1417-1423.

Zhao F, Wang J, Yang Y, et al.Effetto dei polimorfismi genetici del CYP2C19 sull'efficacia della triplice terapia a base di inibitori della pompa protonica per l'eradicazione dell'Helicobacter pylori: una meta-analisi. Helicobacter. 2008 dic; 13(6):532-41.

Non avete ancora fatto un test del DNA?

Fate il vostro test genetico e scoprite tutto di te.

starter
Test DNA Starter

Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
starter
Test DNA Advanced

Salute, Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
Summer Sale Solo fino al 25 luglio sui nostri test del DNA. Usa il nostro codice SUMMER15
Acquista