Paroxetina (Dosaggio)

La paroxetina è un farmaco della famiglia degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina. Viene utilizzato, tra l'altro, nel trattamento della depressione, del disturbo ossessivo-compulsivo, del disturbo di panico e del disturbo d'ansia. La variabilità della risposta alla paroxetina comprende fattori fisici, psicosociali e anche genetici, come la presenza di alcune varianti nel gene CYP2D6, il principale citocromo coinvolto nella sua metabolizzazione.

La paroxetina è un antidepressivo del gruppo degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) con un profilo simile alla fluoxetina. Inibisce specificamente la ricaptazione della 5-idrossitriptamina da parte dei neuroni cerebrali.

CONTROINDICAZIONI

Ipersensibilità alla paroxetina

In combinazione con gli IMAO (antidepressivi inibitori della monoamminoossidasi), iniziare il trattamento 2 settimane dopo l'interruzione del MAO irreversibile o 24 ore dopo l'interruzione del MAOI reversibile e attendere almeno una settimana tra l'interruzione della paroxetina e l'inizio del MAOI; combinazione con tioridazina o pimozide.

PRECAUZIONI

Devono essere prese precauzioni nei pazienti con una storia di mania, grave insufficienza renale, insufficienza epatica, diabete (se paroxetina e pravastatina vengono somministrate contemporaneamente, è obbligatorio eseguire un aggiustamento della dose di ipoglicemizzanti orali e / o insulina), epilessia, convulsioni, glaucoma ad angolo chiuso o antecedenti, malattie cardiache, situazioni che causano iponatriemia, storia di disturbi emorragici o condizioni che predispongono al sanguinamento.

Precauzioni nella prescrizione ai pazienti anziani.

Cautela nell'uso concomitante con anticoagulanti orali, farmaci che influenzano la funzione piastrinica e aumentano il rischio di sanguinamento. Combinato con rischio serotoninergico e / o neurolettico di SNM (sindrome neurolettica maligna).

Non utilizzare nei bambini e negli adolescenti; nel caso in cui sia necessario prescrivere la paroxetina, fare attenzione perché aumenta il rischio di comportamenti suicidari e ostilità. Non sono disponibili studi clinici su bambini di età inferiore a 7 anni. Si deve usare cautela nelle dosi prescritte poiché nelle prime settimane possono comparire sonnolenza / agitazione psicotropa, si raccomanda di valutare il rapporto rischio / beneficio.

Esiste il rischio di suicidio, quindi è obbligatorio monitorare attentamente il paziente finché non viene rilevato un miglioramento dell'umore del paziente. Precauzioni ancora più estreme nei pazienti con una storia di comportamento o pensieri suicidari, o coloro che mostrano un grado significativo di ideazione suicidaria prima dell'inizio del trattamento. L'interruzione improvvisa del trattamento può causare sintomi di astinenza, dovrebbe essere eseguita gradualmente nell'arco di diverse settimane o mesi.

EFFETTI COLLATERALI

Aumento dei livelli di colesterolo, diminuzione dell'appetito, sonnolenza, insonnia, agitazione, aggressività, sogni anomali, diminuzione della concentrazione, vertigini, tremori, mal di testa, concentrazione alterata, visione offuscata, sbadigli ; nausea, costipazione, diarrea, vomito, secchezza delle fauci; sudorazione, disfunzione sessuale; astenia, aumento di peso.

Studi clinici a breve termine su bambini e adolescenti hanno mostrato un aumento dei comportamenti suicidari, comportamenti autolesionistici e maggiore ostilità.

INTERAZIONI FARMACOLOGICHE:

La paroxetina potenzia la sua tossicità (sindrome serotoninergica) se somministrata insieme a: antidepressivi MAOI, L-triptofano, triptani, tramadolo, linezolid, metiltionina cloruro, antidepressivi SSRI, litio, petidina, Hypericum perforatum.

I livelli plasmatici di paroxetina sono ridotti da fosamprenavir / ritonavir.

La paroxetina aumenta i livelli plasmatici di: prociclidina, clomipramina, nortriptilina, desipramina, perfenazina, tioridazina, risperidone, atomoxetina, propafenone, flecainide, metoprololo. < / p>

La paroxetina può aumentare il rischio di sanguinamento se somministrata con: anticoagulanti orali, FANS / ASA e altri agenti antipiastrinici.

La paroxetina riduce l'efficacia del tamoxifene. La somministrazione di paroxetina deve essere evitata, quando possibile, durante il trattamento di prevenzione del cancro al seno con tamoxifene.

Attenzione se sta assumendo paroxetina con: fentanil in anestesia generale o nel trattamento del dolore cronico.

La somministrazione concomitante di paroxetina e pravastatina può causare un aumento dei livelli di glucosio nel sangue.

Evita il consumo di alcol durante il trattamento con paroxetina.

NOMI DEL MARCHIO

  • Arapaxel ®
  • Casbol ®
  • Daparox ®
  • Frosinor ®
  • Motivan ®
  • Seroxat ®
  • Xetin ®

Geni analizzati

CYP2D6

Bibliografia

Hicks J, Bishop J, Sangkuhl K, Müller D, Ji Y, Leckband S, et al. Clinical Pharmacogenetics Implementation Consortium (CPIC) Guideline for CYP2D6 and CYP2C19 Genotypes and Dosing of Selective Serotonin Reuptake Inhibitors. Clin Pharmacol Ther, 2015; 98(2):127–34.

Alessandrini M, Chaudhry M, Dodgen TM, Pepper MS. Pharmacogenomics and Global Precision Medicine in the Context of Adverse Drug Reactions: Top 10 Opportunities and Challenges for the Next Decade. OMICS, 2016; 20(10):593–603.

Brückl TM, Uhr M. ABCB1 genotyping in the treatment of depression. Pharmacogenomics, 2016; 17(18):2039–69.

Non avete ancora fatto un test del DNA?

Fate il vostro test genetico e scoprite tutto di te.

starter
Test DNA Starter

Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
starter
Test DNA Advanced

Salute, Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
Il test del DNA che stavi cercando
Acquista