Trimipramine (Dosage)

La trimiramina è un antidepressivo triciclico utilizzato principalmente per il trattamento del disturbo depressivo maggiore. Il farmaco è utilizzato anche per il trattamento dell'insonnia, dell'ansia e delle psicosi grazie alle sue proprietà sedative, ansiolitiche e antipsicotiche, rispettivamente. La sua efficacia e tollerabilità sono associate alla presenza di alcune varianti genetiche nei citocromi CYP2C19 e CYP2D6 che possono favorire la comparsa di effetti avversi, il che sottolinea l'importanza di un adeguato aggiustamento del dosaggio.

La trimiramina è utilizzata per il trattamento di diversi disturbi psichiatrici. È ampiamente utilizzata per il trattamento della depressione maggiore, soprattutto quando è utile l'effetto sedativo. È anche un efficace ansiolitico, sedativo e antipsicotico che la rende utile nel trattamento di altre condizioni psichiatriche come il disturbo ossessivo-compulsivo, l'ansia, il disturbo da stress post-traumatico o il dolore neuropatico, tra gli altri.

MECCANISMO D'AZIONE

Gli antidepressivi triciclici esercitano la loro azione inibendo la ricaptazione della serotonina e della noradrenalina, aumentando la biodisponibilità dei neurotrasmettitori nel sistema nervoso centrale, il che produce l'effetto antidepressivo. Tuttavia, questa capacità inibitoria è relativamente più debole rispetto ad altri antidepressivi della stessa famiglia. Sebbene gli effetti sui neurotrasmettitori si manifestino immediatamente, gli effetti terapeutici non sono evidenti fino a settimane dopo, probabilmente perché devono verificarsi cambiamenti nei recettori della corteccia cerebrale e dell'ippocampo. Gli antidepressivi triciclici sono molto utili anche nel trattamento del dolore neuropatico e, sebbene il loro meccanismo a questo livello non sia ben compreso, si pensa che modulino i sistemi oppioidi anti-dolore nel SNC.

CONTROINDICAZIONI

La trimiramina è controindicata nei pazienti che hanno precedentemente mostrato ipersensibilità a questo farmaco o ad altri antidepressivi della stessa famiglia. Non deve essere utilizzata nel recupero di pazienti che hanno subito un infarto miocardico acuto o di pazienti con altri problemi cardiaci come le aritmie. È inoltre sconsigliato l'uso in persone con malattie epatiche o durante l'allattamento.

È importante tenere presente che possono verificarsi effetti avversi significativi in caso di associazione con altri farmaci, come ad esempio altri antidepressivi, MAO inibitori, oppiacei, epinefrina, barbiturici, alcol o farmaci a base di erbe. Deve inoltre essere usato con cautela nei pazienti in trattamento per l'ipertiroidismo. È quindi importante consultare il medico se si stanno assumendo altri farmaci o integratori.

La trimiramina deve essere usata con cautela anche nei pazienti a maggior rischio di glaucoma o di problemi alle vie urinarie.

EFFETTI COLLATERALI

Oltre a inibire l'assorbimento di alcuni neurotrasmettitori, questi farmaci possono bloccare anche altri recettori (istaminico, alfa-adrenergico, muscarinico), per cui gli effetti collaterali sono comuni.

L'effetto collaterale più comune è la sonnolenza, seguita da secchezza delle fauci, costipazione, ritenzione urinaria o visione offuscata. Possono verificarsi anche ipotensione, perdita di peso, vampate di calore, reazioni cutanee, tachicardia, sbalzi d'umore e aumento del rischio di fratture ossee in caso di trattamento prolungato, anche se con minore frequenza.

NOMI COMMERCIALI

  • Surmontil®
  • Herphonal®
  • Rhotrimine®
  • Sapilent®
  • Stangyl®
  • Tydamine®

Geni analizzati

CYP2C19 CYP2D6

Bibliografia

Hicks JK, Swen JJ, Thorn CF, et al. Clinical Pharmacogenetics Implementation Consortium Guideline for CYP2D6 and CYP2C19 Genotypes and Dosing of Tricyclic Antidepressants. Clin Pharmacol Ther, 2013; 93(5):402–8.

Hicks JK, Sangkuhl K, Swen JJ, et al. Clinical pharmacogenetics implementation consortium guideline (CPIC) for CYP2D6 and CYP2C19 genotypes and dosing of tricyclic antidepressants: 2016 update. Clin Pharmacol Ther. 2017 Jul;102(1):37-44.

Kirchheiner J, Müller G, Meineke I, et al. Effects of polymorphisms in CYP2D6, CYP2C9, and CYP2C19 on trimipramine pharmacokinetics. J Clin Psychopharmacol. 2003 Oct;23(5):459-66.

LiverTox: Clinical and Research Information on Drug-Induced Liver Injury [Internet]. Bethesda (MD): National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases; 2012–. Trimipramine. 2020 Apr 5. PMID: 31643192.

Non avete ancora fatto un test del DNA?

Fate il vostro test genetico e scoprite tutto di te.

starter
Test DNA Starter

Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
starter
Test DNA Advanced

Salute, Antenati, Tratti e Wellness

Acquista
Mese del Padre Solo fino al 20 giugno sui nostri test del DNA. Usa il nostro codice DAD15
Acquista