Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è una condizione mentale caratterizzata da estremi sbalzi d'umore che influenzano l'umore, il pensiero, il comportamento e la capacità di svolgere le attività della vita quotidiana. Colpisce per mesi o anni, in fasi, dove un comportamento calmo e normale è intervallato da episodi maniacali e depressivi. Secondo l'OMS, colpisce 45 milioni di persone in tutto il mondo, rendendola la sesta causa di disabilità nel mondo.

La causa è di origine biologica e genetica. Il sistema limbico è responsabile della regolazione delle emozioni e del mantenimento di un umore stabile in base alle circostanze. Nelle persone affette da disturbo bipolare, il sistema limbico non funziona correttamente e il loro umore cambia bruscamente senza una ragione apparente.

Inoltre, ci sono una serie di fattori di rischio che possono contribuire a scatenare la malattia:

  • Storia familiare. Il disturbo bipolare ha una forte base genetica e il rischio aumenta significativamente se ci sono parenti diretti colpiti.
  • Uso di droghe come cannabis o cocaina.
  • Alcuni farmaci, come i corticoidi, possono scatenare episodi in individui suscettibili.
  • Parto e postpartum. In alcune donne questi possono agire come fattori scatenanti. Inoltre, le donne che sono suscettibili o diagnosticate con un disturbo bipolare hanno maggiori probabilità di soffrire di depressione post-partum.
  • Astinenza da farmaci. Questo è il principale fattore di rischio e causa di ricaduta nelle persone con diagnosi di disturbo bipolare.

Sintomi

Il disturbo bipolare è caratterizzato dall'alternanza di episodi maniacali e depressivi di durata variabile. Ciascuna delle fasi è caratterizzata da diversi aspetti, anche se le manifestazioni possono variare molto da persona a persona.

La fase maniacale è caratterizzata da:

  • Episodi anomali di ottimismo, nervosismo o tensione.
  • Agitazione, aumento dell'attività o dell'energia.
  • Sensazione esagerata di benessere.
  • Diminuzione del bisogno di dormire.
  • Comportamento sconsiderato e mancanza di autocontrollo.
  • Distrazione.

La fase depressiva, a sua volta, può includere i seguenti sintomi:

  • Tristezza o basso umore.
  • Difficoltà di concentrazione.
  • Problemi alimentari, scarso appetito e perdita di peso.
  • Affaticamento e stanchezza.
  • Sentimenti di inutilità o di colpa.
  • Perdita di piacere in attività che una volta piacevano.
  • perdita di autostima
  • pensieri di morte o suicidio
  • Difficoltà ad addormentarsi o dormire troppo.
  • Ritiro dagli amici o dalle attività di cui si godeva una volta.

Entrambe queste fasi possono portare a evidenti difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane come il lavoro, la scuola, le attività sociali o le relazioni.

Prevenzione

Non esiste un modo efficace per prevenire il disturbo bipolare. Tuttavia, il trattamento precoce può aiutare a prevenire il peggioramento del disturbo e può portare a una buona qualità di vita.

Se vi è stato diagnosticato un disturbo bipolare o avete un parente di primo grado affetto, è importante essere consapevoli di quanto segue:

  • Fate attenzione ai segnali di avvertimento. Trattare precocemente i sintomi può aiutare a minimizzarne gli effetti.
  • Evitare droghe e alcol.
  • Avere una buona igiene del sonno.
  • Prenda i farmaci correttamente. Interrompere il trattamento o ridurre la dose può aiutare a scatenare nuovi episodi.

Numero di varianti osservate

13,5 milioni di varianti

Numero di loci di rischio analizzati nello studio

63 loci

Bibliografia

Mullins N, Forstner AJ, O'Connell KS, et al. Genome-wide association study of more than 40,000 bipolar disorder cases provides new insights into the underlying biology. Nature Genetics. 2021 Jun;53(6):817-829.

World Health Organization (WHO) [April 2022]

Mayo Clinic [April 2022]

National Institute of Mental Health (NIH) [April 2022]

Il test del DNA che stavi cercando